Made in Carcere innalza la BORSA Più GRANDE DEL MONDO per abbattere la RECIDIVA

Made in Carcere innalza la BORSA Più GRANDE DEL MONDO per abbattere la RECIDIVA

6 metri d’altezza, 6 di lunghezza, 3 di larghezza ed una tracolla lunga 8 metri.

Una mega borsa in cui guardarci dentro, per obbligare ad osservare il mondo con occhi diversi: attraverso un percorso all’interno, Made in Carcere mostra come la recidiva si riduca grazie al lavoro nei penitenziari.

E’ realizzata, come sempre, dalle sartine detenute con tessuti recuperati dalle varie aziende sensibili al progetto che, in questo modo, danno nuova vita ai tessuti che vengono così re-immessi nel processo produttivo.

A reggerla è un’anima in alluminio, architettata da Officine Tamborrino.

Il percorso all’interno della borsa è studiato per evocare il passaggio dal buio della cella al colore del lavoro per arrivare alla luce di una possibile riabilitazione sociale

La “Made in Prison Standing Bag” sarà esposta nello Spazio ADI di Via Bramante 42.

COMUNICATO STAMPA

Debutto al Fuorisalone di Milano per MADE IN CARCERE. Il brand della No Profit Officina Creativa s.c.s. con sede a Lecce, si presenta, ancora una volta, con una produzione/provocazione sul tema della “seconda chanche”. Grazie alla collaborazione con OFFICINE TAMBORRINO, azienda pugliese, di Ostuni (Br), leader nel settore della progettazione e produzione di arredi di design in metallo per uso residenziale e per spazi aperti alla condivisione, innalza la BORSA Più GRANDE DEL MONDO per abbattere la RECIDIVA.

Il dato sorprendente relativo alla RECIDIVA è che l’80% circa delle persone detenute che hanno avuto la possibilità di lavorare in carcere, non torna più in carcere. Esattamente al contrario, oltre l’80% delle persone detenute che non lavora durante il periodo di detenzione, torna a delinquere. (Fonte: giustizia.it).

L’installazione programmata per il Fuorisalone, dal 12 al 17 aprile, nello Spazio ADI di Via Bramante 42, reso temporaneamente agibile per la Settimana del Design, vuole essere un “URLO” nel silenzio del lungo viaggio intrapreso ormai da quasi un decennio da Made in Carcere nel mondo degli istituti penitenziari italiani, condiviso insieme alle aziende che, ancora una volta, in questa occasione, hanno contribuito al progetto liberando i propri magazzini da materiai inutilizzati, sostenendo così azioni ad alto impatto sociale ed ambientale.

La “Made in Prison Standing Bag” si presenta come borsa-esperienza.

Misure: altezza 6 metri, lunghezza 6 metri, larghezza 3 metri, lunghezza tracolla 8 metri

E’ stata realizzata nelle Case Circondariali Femminili di Trani e Lecce grazie ai tessuti donati da diverse aziende tessili italiane che già in passato, come dicevamo, hanno dimostrato sensibilità al progetto di Made in Carcere, credendo, in particolare, nella possibilità di far rivivere tessuti dimenticati e inutilizzabili, come, ad esempio, rimanenze di magazzino, pezzi di campionari, ritagli di lavorazione, ma anche tessuti pregiati e selezionati, donati con gioia e rispetto per un’iniziativa ad alto impatto sociale ed ambientale. In particolare: SCHMID SpA – Consorzio Mare di Moda - CARVICO SpA, con i tessuti dal marchio LYCRA ®-   ALTANA SpA – CANDIANI SpA - MELTIN'POT - MAGLIFICIO RIPA – SUARIA – JERSEY LOMELLINA SPA –TEXTRA – TAIANA VIRGILIO TESSITURA SPA – PIAVE MAITEX - LS di Luisa Savini - DOGI - INTERNATIONAL FABRICS - WEGAL & TRICOTEL S.p.a. - KRIZIA SPA - MIROGLIO spa - FLAVIA – CALIA - PADOVAN srl  - TEXTILSAND - FADA TESSUTI – CRAVATTIFICIO ALBA – BORGINI JERSEY - BRUGNOLI GIOVANNI S.P.A. - CONFIDENCE SRL – EUROSTICK - TEXICO - TESSILE S.r.l. e tanti altri.

La parte in stoffa nasconde un’anima in metallo, smontabile, realizzata ad hoc dai tecnici e designer di Officine Tamborrino, che la rende, nel complesso, una struttura “visitabile”, uno spazio esperienziale. Sviluppata in tre parti unite tra loro, la “Made in Prison Standing Bag” vuol essere per chi vi entra all’interno, un’occasione per provare il buio di una cella detentiva. Ma non solo. Il percorso si divide in tre fasi, con l’attraversamento di tre diversi ambienti che sono stati creati, offrendo un graduale passaggio dal buio, ai colori, alla luce, proprio come la crescita che, all’interno del carcere, solo un’opportunità di lavoro può offrire.

Buio: vuol evocare la prima fase di insediamento nella cella, dalla dimensione classica di 3 mt x 2 mt (comunemente descritta “tre passi per due“). 

Colore: inizia il percorso di riavvicinamento al mondo reale del lavoro, si conoscono regole e metodi di lavoro (che non costringono ma liberano, davvero, in questo caso) oltre che le tipiche tecniche di sartoria. 

Luce: gioia e felicità per la consapevolezza acquisita di poter contribuire ad un buon uso del mondo.

Questo è il percorso di VALORI FORZATI per cui ogni giorno lavora il team di MADE IN CARCERE.

MADE IN CARCERE propone un’ampia linea di gadget etici personalizzati, con un approccio di marketing sociale. Insieme alle imprese che collaborano al progetto, si punta sempre a lanciare un messaggio di buon uso del mondo, creando alternative ai manufatti “cinesi” realizzati con materiali che distruggono il Pianeta e sfruttano e le risorse umane. Ultima avventura di Made in Carcere nel settore fashion, il lancio del papillon con il nuovo brand 2nd Chance - Made in Prison, oltre ad accessori sempre originali dal design ricercato. Mentre nel settore del food legato ai temi della natura, a breve debutterà con biscotti e Orti verticali nelle carceri minorili. www.storemadeincarcere.it.

Con la “Made in Prison Standing Bag” Made in Carcare riprova, di fatto, a battere il Guinnes dei primati della borsa più grande del mondo. L’esperimento fu già tentato nel 2009 con la creazione di una borsa decisamente fuori misura, di circa 3 metri per 2, ma non tridimensionale come l’attuale, la cui presentazione in anteprima al salone internazionale della casa - Macef di Rho-Milano fu pure compromessa da problemi tecnici, tra cui pioggia e maltempo. Questa volta una solida anima in alluminio la renderà non solo più forte ma, soprattutto, tridimensionale, con la possibilità di poterci anche entrare all’interno.  

“E’ sempre un grandissimo piacere sostenere le splendide iniziative di Made in Carcere – dice Romina Barelli di CARVICO, tra le aziende di produzione tessile che sostengono il progetto. Ammiriamo l’impegno e la dedizione profusi a favore delle donne che ad un certo punto della loro vita si sono un attimo smarrite. Dare loro una seconda chance è ammirevole; aiutarle, sostenerle e accompagnarle nel loro cammino verso un futuro migliore ha un valore immenso”.

12 aprile 2016

 

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

INSTAGRAM

 

Copyright Made in carcere 2016.